Ricerca personalizzata

giovedì 25 novembre 2010

Astuccio portapenne

Buona giornata a tutti!

Mia figlia in questo periodo mi ha commissionato un sacco di cosette, le più disparate e mai semplici da fare, almeno per me. Certo è che non mi lascia mai un attimo di tregua. Le serve un astuccio per riporre le sue cosette di arte, quelle che stanno in un astuccio. Ho fatto un po' di ricerche e di astucci ne ho trovati tanti fatti nei modi più disparati. Ieri mi sono messa all'opera con la stoffa che si è scelta lei ed ho sfornato un astuccino che in realtà è un poco ridotto rispetto a quello che le serve, comunque ho imparato la tecnica e per farlo più grande che ci vuole?

Il tutorial lo trovate qui spiegato per bene.

DSCN0375

 

DSCN0378

 

DSCN0377

 

Questo è solo il primo di una serie di cose che dovrei realizzare, ma per le altre ci vuole un po' più di impegno e tempo.

Un bacio a tutte! A presto.

Flavia

sabato 20 novembre 2010

Per un buon riposo……

Ben ritrovati e buon sabato.
Oggi vi mostro i pigiamini che ho confezionato per mio figlio minore, Claudio.
Ho utilizzato il cartamodello di una semplice tuta ma ho applicato i polsini alle maniche ed ai pantaloni.
Dato che non è facile trovare dalle mie parti la maglia per fare i polsi, ho dovuto utilizzare i colori disponibili, che non sono gli stessi della stoffa, ma sono riuscita comunque a fare una cosa armoniosa, o almeno a me pare così.
Il primo è di jersey sottile, per la mezza stagione, il ricamo l'ho scelto io perché doveva essere abbastanza leggero, adeguato al tessuto.
DSCN0370
Ne ho confezionato un' altro simile di colore salmone ma non lo ho fotografato perché lo sta utilizzando ora.
Gli altri due sono in felpa pesante e sono, quindi adatti quando arriverà il freddo (prossima settimana neve!???).
I ricami sono stati scelti da Claudio e quindi rigorosamente "sportivi", calcio e basket, la sua passione.
 DSCN0364
 DSCN0360
Penso di confezionarne ancora uno per poter avere i cambi adeguati.
Per finire una cosa buona da mangiare. Premetto che io non sono una grande cuoca, e non mi permetto di parlare di cucina, direi delle fesserie, solo ho preparato questa crostata da condividere coi miei parenti in occasione del mio compleanno, qualche giorno fa. E' con crema al limone, la mia preferita. La condivido anche con voi per un augurio di un anno pieno di……..creatività!
Bacioni
Flavia
DSCN0359

giovedì 18 novembre 2010

L'ho finita!!

Buona giornata a tutti, mi auguro che qualcuno veda il sole se solleva lo sguardo, da me solo nuvole e pioggerella….

Dovete sapere che ho iniziato a sferruzzare quando ero ragazzina e mia nonna Rosa aveva i ferri in mano in ogni momento libero della sua giornata. Lei, contadina verace, produceva in serie calze lunghe, corte, camiciole di lana, sottovesti per l'inverno, sciarpe,muffole, berretti, coperte, addirittura aveva studiato di fare le scarpette da casa e mandava a prendere le solette di feltro in un negozio "in città" da mia sorella che ci studiava. Noi tre sorelle abbiamo messo quelle scarpette fino a che siamo uscite dalla famiglia per sposarci!

Aveva una velocità che io me la sogno.

Come fare a non farsi contagiare? Ho imparato a fare quello che lei sapeva fare meglio, ma non essendo più nell'epoca in cui era indispensabile farsi queste cosette, mi sono buttata sui maglioni.

Dovete sapere che però mia madre di mestiere faceva la maglia con la macchina e, nel tempo che io mettevo a fare un maglione, lei ne faceva 10. Fu così che non feci più la maglia se non per puro diletto, quando vedevo qualcosa che mi stuzzicava. Conoscete il detto "impara l'arte e mettila da parte"? Ho utilizzato le mie memorie di maglia per fare i coprifasce dei mei figli, i guantini, le sciarpe, le scarpine e quello che al momento mi poteva servire. Non ho più fatto calze di lana, e me ne dispiace perché era una lavorazione a quattro ferri, una cosa un po' particolare.

Ora mi sono cimentata nella mantella che ho mostrato lo scorso post, ed è terminata!

L'inizio è stato un po' difficile, per riadattarmi ai vari tipi di punti ed alla lettura degli schemi ci è voluto un po' di tempo, ma poi tutto è andato via liscio ( almeno fino all'assemblaggio con l'uncinetto, dove stendo un velo pietoso)ed il risultato è questo……..

DSCN0350Cosa ne dite?

Vale veramente la pena di imparare tante arti, poi al momento buono rispolverarle e valutare quanti soldini si sono risparmiati!

Un abbraccio

Flavia

venerdì 12 novembre 2010

Mi è presa la voglia di Maglia!

Ciao a tutti!
In questi giorni hi iniziato un lavoro che vorrei portare a termine a breve, per farlo indossare a mia figlia prima che arrivi il freddo, quello vero.
Dopo anni che non utilizzo i ferri da maglia, ho ricominciato a sferruzzare per fare un copri spalle a collo alto.
Il modello lo ho trovato qui e dato che è tanto piaciuto ad Ornella ho subito cominciato ad eseguirlo. Mi hanno supportato nella mia iniziativa le amiche del forum Let's Sew! della quale faccio parte. Per ora ho fatto la fascia A, B ed ho iniziato la C.
Mi sono subito trovata in difficoltà nella fascia A perché dovevo ricordare i vari punti. La nocciolina mi ha fatto scervellare. La fascia B è tutta a dritto-rovescio con le maglie incrociate per formare le trecce, e la parte più noiosa è  lasciare le maglie in sospeso per poi riprenderle. La fascia C è anch'essa una treccia, solo più lunga e larga.
Spero possa venire in modo decente, dato la mia inesperienza, anche perché comprende la montatura con punti all'uncinetto che, seppur semplici maglie basse e alte, mi mettono in difficoltà.
Nell'attesa di potervi mostrare il risultato del mio lavoro vi lascio la foto della mantellina fatta da persone esperte!
d 
E voi come ve la cavate coi ferri??
Buon Fine settimana!!
Flavia

mercoledì 10 novembre 2010

Tra grigio e colore

Buona giornata, Novembre si sta manifestando in tutto il suo grigiore dalle mie parti. Io non amo troppo questa stagione, anche se i colori non mancano. Ormai però le foglie sono cadute tutte e non rimangono altro che rami spogli.
Dopo una giornata di pioggia più o meno intensa eccoti una bellissima sorpresa, un raggio di sole che timido si intrufola tra le case e mi permette di scoprire che, anche in giornate come queste, c'è sempre qualcosa da scoprire.
Questa sensazione torna tutti gli anni, tanto che ci ho composto alcuni versi, sono senza pretese e ve li propongo.
AUTUNNO
Autunno non ti
conoscevo,
pensavo alla nebbia
grigia
e mi incupivo.

Ma quest'alba colorata
e allegra mi meraviglia,
e guardo l'orizzonte
giallo e vermiglio.

Che sensazione guardare a ovest!
Il cielo azzurro cupo
e le piante alte
quasi spoglie
far contrasto
con le poche foglie
in un insieme arancio.

Non ho mai visto un'alba così…

Oh autunno torna spesso
se mi regali queste sensazioni
e mi rendi felice come adesso!

Chiudo la parentesi poetica che è parte integrante del mio carattere, per mostrarvi un lavoro che ho fatto per la nascita di una bimba; un fasciatoio da viaggio. In giro se ne vedono fatti in tanti modi. Io ho preso spunto e ne ho ricavato uno semplice e spero utile.
Fasciatoio da viaggio aperto
Ho imbottito con ovattina leggera e la parte centrale è in spugna. In alto c'è una tasca per contenere il necessario per il cambio.
Fasciatoio da viaggio chiuso Ed ecco il fasciatoio chiuso e pronto per essere portato con se in ogni luogo.
Un caloroso abbraccio a tutti!
Flavia

sabato 6 novembre 2010

Tutorial porta badge

Buon sabato,

ho rimesso mano al file del mio porta badge e lo ho ricamato di nuovo questa volta con l'occhiello alla quale fissare una catenella che permetta di fermarlo alla tasca dello zaino.

Ho preso l'occasione per fare alcune foto ed un mini tutorial, chissà mai che a qualcuno possa servire.

Metto a disposizione le istruzioni in formato PDF e i file in formato ART,HUS e PES.

Se a qualcuno dovessero servire altri formati di cui dispongo basta mandarmi una mail.

Dato che è la prima volta che metto a disposizione file, non sono sicura di avere fatto tutto il necessario. Se vi fossero delle difficoltà contattatemi subito che vedo di fare il possibile per risolvere il problema.

Per scaricare i file cliccare sull'immagine.

DSCN0343

 

A presto e buon lavoro!!

Flavia

giovedì 4 novembre 2010

Prima prova da cartamodello creato da me

Buona giornata o quello che rimane di essa a tutti.
Da un po' di tempo mi è venuta la curiosità di cercare tutto quello che potrebbe aiutarmi a creare i cartamodelli dei lavori"sartoriali" che cucio. Diciamo che i cartamodelli già pronti mi "vanno stretti",non mi bastano.
E' tutto cominciato quando, durante la scorsa estate, sono incappata navigando nel web in un blog molto interessante  http://corsidicucito.blogspot.com/ che mi ha fatto rendere conto del fatto che non è proprio così difficile crearsi i cartamodelli su misura.
Ho confezionato un top a bustier per mia figlia dopo aver letto le indicazioni di Vintage 70 ( la fondatrice del blog suddetto) e mi sono appassionata all'argomento.Purtroppo il tempo è tiranno ed alla fine ho solo cercato di capire qualcosa di più senza poter provare praticamente altre cose, ma è quello che mi prefiggo di fare a breve.
Intanto mostro il top fatto partendo dalle misure e sviluppato col metodo del Modellismo sartoriale Burgo come spiegato da Strega Corvina nel suo tutorial molto ben fatto, e ripreso da Vintage 70 nel suo blog.
Top a bustierQuesto è il top davanti. Il tessuto è un jersey elasticizzato alla quale è stato applicato un velo di tulle azzurro che viene inglobato nel motivo del jersey.Secondo me fa un po' effetto"materasso" ma a mia figlia è piaciuto tantissimo e quindi…..

Top a bustier dietro
e questo il dietro.Non è stato facile trovare una passamaneria adatta, e quindi ho optato per un' elastico con le asoline che ho camuffato col nastro di raso. Le spalline, Ornella, le ha volute fatte così per poterle appoggiare sulla curva della spalla e lasciarle un po' cascanti stile romantico.
Diciamo che sono molto lontana dal confezionare un busto con stecche e tutto il resto, ma sono abbastanza soddisfatta del lavoro anche perché creato da un foglio di carta bianca che ha preso forma di cartamodello del corpino e poi è stato modificato a bustino.
C'è qualcuno che ha fatto cose di questo tipo e può darmi qualche dritta sull'argomento cartamodelli?
A presto.
Flavia

lunedì 1 novembre 2010

Lavoro veloce

Buona serata a tutti.
Oggi è stata una giornata festiva da dimenticare con acquazzoni che si sono susseguiti durante tutta la giornata. Io ho poltrito molto ma alla fine sono riuscita a produrre un po' di lavoro nonostante l'atmosfera funesta.
Ho portato avanti la produzione di pigiamini per mio figlio minore Claudio, non li ho ancora terminati perché mi sono fatta prendere la mente da un progetto che mi ha tolto dalla macchina da cucire e mi ha fatto allestire il modulo da ricamo.
Mia figlia che frequenta il Liceo Artistico è stata dotata di Badge per l'entrata controllata a scuola. Lei non è proprio quello che si dice ordinata e spesso se lo perde in borsa qua e la.Ho pensato di creare un porta Badge In The Hoop, cioè tutto lavorato nel telaio della macchina da ricamo.
Il primo passo è creare il file di ricamo con il software necessario; è un lavoro semplice, basato sulla tecnica dell'Applique e visto che si tratta sostanzialmente di creare un ricamo rettangolare in realtà è proprio elementare.
Sono poi passata alla fase di ricamo. Prima di ricamare si deve avere chiaro in testa quello che serve e i vari passaggi da effettuare per trovarsi tutti i pezzi a posto.
Ed ecco il Porta Badge( o carta di credito) terminato.
immagine8Ho tolto la parte centrale della carta, ma spero si veda bene lo stesso.
Una volta terminato il lavoro ho pensato che questo oggetto non è sufficiente per trovare il tesserino nello zaino, quindi questo lo terrò io e per mia figlia ne farò uno che comprenda un occhiello alla quale applicare una catenella da ancorare alla tasca dello zaino stesso.
Abbracci

Flavia