Ricerca personalizzata

venerdì 24 febbraio 2012

PANTALONI DA BAMBINO (ma non solo) IN FELPA: TUTORIAL 4

Ciao a tutti!

Finalmente riemergo da una settimana di influenza. Me la sono presa in reparto dove c'è una vera e propria epidemia tra pazienti e di conseguenza anche tra gli operatori. Il mio Coordinatore rende l'idea quando descrive la situazione "E' un cimitero!".

Domani riprendo a lavorare, quindi mi sono imposta di terminare il tutorial anche perché è passato veramente tanto dalla terza parte.

 

RIFINITURE

Ora che abbiamo i nostri pantaloni assemblati è necessario eseguire le rifiniture che consistono essenzialmente nella cintura in vita e l'orlo al fondo.

Si rifinisce il giro vita con uno zig zag o taglia cuci, quindi si misurano 4 cm dal bordo su tutto il contorno segnando con gessetto.

 

image

I 4 cm sono comprensivi del risvolto di 3 cm + 1 cm per la cucitura.

Si rigira il tessuto a livello del segno e si ferma il tutto con spilli.

Si esegue, quindi, una cucitura sul contorno lasciando libero qualche cm su un fianco.

image

image

Questa cucitura si può eseguire anche con l'ago doppio per avere una rifinitura più sportiva, o con il punto copertura della taglia cuci. Se si opta per questa soluzione si può evitare di rifinire il bordo prima, ma la cucitura dovrà essere fatta molto vicino al bordo in modo da poter ritagliare l'eccedenza ed avere una rifinitura perfetta.

Io ho cucito normalmente visto che non è un tessuto elastico e la larghezza mi permette un'estensione che non rischia di rompere i punti.

I cm lasciati senza cucitura serviranno ad inserire l'elastico.

image

Con una spilla si prende l'elastico ( il mio è di 3 cm) e si infila nell'anello che si è creato in vita.

Non so se succede solo a me, ma di solito quando infilo l'elastico ad un certo punto mi si ritorce ed alla fine mi ritrovo sempre con l'elastico che esce a rovescio. Per ovviare a questo io segno l'elastico all'imbocco e alla fine con una X a biro per vedere quale sia il lato giusto. (nella foto si intravede il segno ma l'ho coperto con la spilla!) e se non fuoriesce giusto mi vado a cercare il punto dove gira e lo sistemo.

Al termine, una volta inserito l'elastico, si riprende la cucitura dove si era lasciata tendendo il tessuto fino ad averlo ben disteso. In questo passaggio io fermo l'elastico con uno spillo nel punto dove bisogna cucire, perché tende ad andare ad infilarsi sotto all'ago mentre si cuce.

Ecco la nostra cintura elastica pronta.

image

Ora passiamo al fondo.

Io ho rifinito il fondo e poi ho lavato i pantaloni perché è la parte dove subiscono più variazioni se il tessuto non è ben stabilizzato dal bagno iniziale. Mi è già successo che dopo aver finito l'orlo ho lavato i pantaloni e me li sono ritrovati troppo corti, quindi ora anticipo.

I passaggi sono come quelli della vita. Si segnano i cm che si vogliono rigirare, si rigira e si cuce. Questa volta non è necessario lasciare aperto perché non c'è l'elastico da inserire, quindi si cuce tutto l'anello.

FINITO!

 

image

Sperando di aver fatto cosa gradita termino il mio tutorial "pantaloni" con un BUON LAVORO!!

Sarei infinitamente felice di ricevere le foto di lavori fatti ispirati da questo tutorial; se così sarà ,creerò una galleria dei lavori fatti dai miei lettori.

Grazie!

A presto

Flavia

7 commenti:

  1. Bellissimo tutorial Flavia, sei sempre chiarissima!!
    Baci
    Sabry

    RispondiElimina
  2. Ciao e che bello il tutorial sempre più entusiasmante e la riuscita è perfetta ciao e a presto

    RispondiElimina
  3. Grazie Sabry e Bianca, certo a voi non serve a niente, dovreste insegnare voi a me!!
    Ho la speranza che qualche ragazza venga ispirata dalla semplicità e si cimenti.
    Baci!

    RispondiElimina
  4. Grazie Flavia per essere passata da me,la presina svitafacile o svitarella è quella quadrata.Serve per aprire i vasetti tipo quelli dei sottaceti,sono sempre molto duri da aprire, mentre con quella si apre in un attimo, perchè la parte bianca che vedi è formata da un quadratino di gommina, quella che si usa per non far scivolare le cose, è superpraticissima, se ti interessa segui le inducazioni che ho lasciato sul mio blog, e se hai bisogno di qualche spiegazione fammi un fischio.Ciao un bacio Luisa

    RispondiElimina
  5. che bel risultato! bravissima!
    povera per l'influenza: quella di quest'anno è stata bella tosta!
    Baci baci

    RispondiElimina
  6. Complimenti, io non sarò mai in grado di farli, ma ti ammiro molto. Katy

    RispondiElimina
  7. Questo tutorial è davvero utilissimo!! Io sono piena di cartamodelli, ma poi quando provo a cucire non so mai da che parte farmi! Con una spiegazione così diventa tutto più facile... Grazie!!

    RispondiElimina

Grazie per il pensiero che vorrai lasciare